Un tortuoso viaggio di 90 minuti è cattiva pubblicità per il turismo

Fonte : La Gazzetta del Mezzogiorno